domenica 4 novembre 2018

USA esentano l'Italia dalle sanzioni all'Iran in cambio di F-35, Muos e Tap ?

Foto dal sito del M5S siciliano

Secondo l' agenzia di stampa Associated Press L' Italia potrebbe essere esentata dalle sanzioni all' Iran che Trump annuncia il 5 novembre.
In queste settimane, scrive Marco Galluzzo sul Corriere della Sera, c'è una pressione dell' amministrazione Trump verso il governo italiano su alcune scelte che interessano molto gli USA come il  Muos e il Tap.
Questa mattina a Radio Radicale Marco Cappato nella rassegna stampa ha citato un quotidiano del quale non ho colto il nome che avrebbe messo in relazione l' esenzione dell' Italia dalle sanzioni all' Iran con l' allineamento del governo Conte agli USA sulle importanti questioni Muos, F-35, Tap.

Io non credo che l' Italia sarà esentata dalle sanzioni all' Iran, perchè sarebbe una conferma troppo evidente di una avvenuta rottura del governo Conte con gli altri paesi dell' Unione Europea e del legame stretto del governo lega Movimento5Stelle con l' amministrazione Trump, anche a costo di scelte impopolari con l' elettorale grillino come il Muos e gli F-35. Svelerebbe un attuale legame privilegiato del nostro paese con gli Stati Uniti come mai era avvenuto in passato.

Quindi, ripeto, non credo all' esenzione italiana dalle sanzioni USA all' Iran. Ma l' ipotesi che ho riportato è stata fatta ed è considerata quindi verosimile dagli osservatori. Allora è giusto  diffonderla  anche se domani potrebbe essere già smentita.

Perchè in ogni modo il governo Conte attacca l' Unione Europea, dialoga con Putin, ma nelle scelte importanti è allineato in modo eccessivo con gli Stati Uniti. E questo non è condiviso da molti elettori del Movimento 5 Stelle.

Marco Palombo

lunedì 29 ottobre 2018

Luca Lotti, Pd: NO a finale Milan Juventus in Arabia Saudita. Ma silenzio su vendita di armi italiane


Il 13 gennaio 2019 è prevista in Arabia saudita la finale della Supercoppa italiana tra Juventus e Milan. Sono già arrivate richieste di spostare la partita in un' altra sede.

Si è pronunciato a favore di questa scelta Luca Lotti, ex ministro Pd per lo sport e Amnesty International. L' assassinio del giornalista saudita Jamal Khashoggi ha, per il momento, interrotto la grande amicizia tra i ministri Pd e la famiglia Saud.

I paesi del Golfo, Emirati Arabi Uniti, Arabia saudita, Qatar, Kuwait, insieme alla Turchia e ai paesi principali paesi occidentali, facevano parte del gruppo dei paesi Amici della Siria che per anni ha sostenuto la guerra contro Damasco delle milizie armate spesso straniere.
L' Italia ha sempre sostenuto, soprattutto con la coppia di ministri PD, Gentiloni e Pinotti, anche la guerra dell' Arabia saudita in Yemen, chiudendo gli occhi davanti alle atrocità compiute anche con armi prodotte in Italia.

Ora l' assassinio di Khashoggi, non ancora digerito dall' Occidente, potrebbe far saltare la partita Juventus Milan prevista in Arabia saudita a gennaio.

Prima smettiamo di vendere bombe ai Saud e poi cambiamo sede alla finale di Supercoppa.

Molte atrocità nel mondo sono compiute perchè facciamo finta di non vedere, ma invece sappiamo ed allora No alle bombe e alle collaborazioni militari, poi pensiamo al calcio.

M.P.

domenica 28 ottobre 2018

Sondaggi buoni per la Lega ma piazze piene, e divise, contro Salvini e il governo ?




Queste immagini sono riprese dal sito del sindacato di base Si Cobas che sabato 27 ottobre ha riempito il centro di Roma con un corteo composto da almeno 3-4.000 lavoratori per la quasi totalità di origine non italiana.

Il corteo ha seguito lo sciopero generale politico del giorno precedente che il Si Cobas aveva indetto insieme a USI, USI Ait, Sgb, Sisa, ADL Cobas, Cub.
La manifestazione, come lo sciopero, era contro le politiche razziste e repressive del governo e la cosiddetta manovra del popolo. Lo Si Cobas è presente nel mondo del lavoro soprattutto nel settore della logistica, sia nei trasporti che nei magazzini, e localmente è molto radicato in Emilia Romagna, Lombardia, Firenze, Campania.


Quasi impossibile trovare nei media notizie sul corteo. Ha partecipato anche,  numeroso come sempre, il Movimento di Lotta per la casa romano, uno dei principali ispiratori della prossima manifestazione antirazzista del 10 novembre che si preannuncia imponente. Oltre al movimento per la casa c’erano presenze meno numerose ma significative come l’ associazione dei lavoratori del Bangladesh, un piccolo gruppo di studenti del Liceo Mamiani di Roma, il partito dei Carc, un collettivo piccolo ma compatto e visibile  di anarchici, il centro sociale milanese Vittoria.



Intanto sono già molto numerose le adesioni al corteo del  10 novembre contro le politiche razziste e repressive del governo Conte, il decreto sicurezza Salvini, al quale secondo i promotori ha aperto la strada Minniti. Si chiede:

Ritiro immediato del decreto immigrazione e sicurezza,
No  al disegno di legge Pillon
Accoglienza e regolarizzazione per tutte e tutti
Solidarietà e libertà per Mimmo Lucano
No ai respingimenti e agli sgomberi

Al corteo hanno già dato la propria adesione
Cobas, Prc, Associazione 3 febbraio, Unicobas, Usi, Cgil Catania, alcuni circoli Arci e Anpi, ma non le loro associazioni nazionali, i centri sociali del Nord Est, No Muos, Baobab experience, Dema di De Magistris, Dem 25, vari coordinamenti cittadini di studenti medi, Trasform Italia, Lista per un altra Europa, Articolo 21, Rete Città in comune, Proactiva Open Arms, Sinistra anticapitalista, Movimento di lotta per la casa., comitato immigrati Roma e moltissime realtà locali.



Sabato 20 ottobre ha avuto un ottima riuscita anche il corteo per le nazionalizzazioni indetto da USB, Potere al Popolo, Eurostop, con adesione del PCI e Prc e altre realtà minori.

Imponente anche la reazione per vicenda del sindaco di Riace Mimmo Lucano e per il caso Diciotti la Sicilia si è mobilitata in modo rilevante anche se questo è stato poco conosciuto nel resto del paese.



Conferma la tendenza negli ultissimi giorni  la tragica vicenda di Desirèe violentata ed uccisa nel quartiere San Lorenzo di Roma.  La presenza in piazza di chi combatte il razzismo governativo è stata oltre le previsioni, dalle donne di Non una di meno, all’ Anpi, ai collettivi del quartiere che hanno impedito a Salvini la sceneggiata che aveva programmato sul luogo dell’ assassinio. Al contrario è stato un flop il corteo di Forza Nuova contro i migranti.



E’ molto diviso dunque il fronte antirazzista e della sinistra sociale e politica, ed è meglio sorvolare sulla qualità e quantità delle divisioni, ma nonostante questo scende ugualmente in piazza numeroso. Le forze politiche della sinistra e i sindacati di base o concertativi non sembrano intercettare nè  dirigere questo vasto movimento. Solo Potere al Popolo il 20 ottobre ha messo insieme un nutrito spezzone con una età media relativamente giovane, una presenza politica che da tempo non si vedeva nelle strade romane ma che non si vede neanche oggi a parte il corteo citato.



Però gli appuntamenti di novembre, soprattutto il 10 novembre e il 24 novembre, quando scenderà in piazza a Roma il movimento Non una di meno, vedranno in strada decine di migliaia di manifestanti e mostreranno anche all’ Italia meno attenta  un movimento vasto anche se ancora è assente una indentità riconoscibile e unitaria.

Il prossimo futuro politico e sociale italiano è tutto da inventare, ma le persone per fortuna in queste settimane reagiscono e scendono in strada.

Marco Palombo

venerdì 12 ottobre 2018

Podemos-Psoe: la via spagnola che parla all' Europa ma non ai pacifisti, come Tsipras e Lisbona


L' intesa Podemos-Psoe è relativa solo alla politica economica. Il manifesto le da però una valenza maggiore: una possibile via per tutta l' Europa, che unisca i socialisti e chi si pone alla sinistra del Pse.

Il governo socialista spagnolo è fresco reduce dal dietrofront alla revoca della vendita di bombe all' Arabia saudita e non da segni di cambiamenti di strategia nelle politiche militari internazionali. Ed è  di cattivo auspicio anche il comportamento  del governo Tsipras e di quello portoghese, quest' ultimo socialista sostenuto da comunisti e Bloco, completamente allineato alla Nato anche nel boicottaggio della discussione all'ONU sul trattato per la proibizione del nucleare.

Diciamo quindi subito che, se queste alleanze sono auspicabili per Il manifesto, non lo sono per i pacifisti europei, almeno fino a quando saranno allineate in modo assoluto alla NATO.

Marco


La via spagnola dell' alleanza che parla all' Europa
di Marina Turi e Massimo Serafini

L’accordo tra il Psoe e Podemos potrebbe funzionare. Uno sgualcito Iglesias e uno stirato Sánchez, con cravatta d’ordinanza, hanno siglato alla Moncloa il progetto di bilancio da inviare a Bruxelles il prossimo lunedì. In rete c’è chi parla di «manovra del popolo» e già è noto lo sforamento deficit-Pil, ma quello che colpisce è la qualità sociale e di rottura delle misure che saranno varate.

Chi pensava a un ritorno di Sánchez alla guida del Psoe come una operazione di solo maquillage ora dovrebbe ricredersi, questa manovra è una rottura concreta con la politica delle larghe intese.
Evidenzia, soprattutto, che è possibile unire una sinistra tradizionale e affaticata con una sinistra nuova, legandole in una proposta di cambiamento sociale. Un esito non scontato, in queste ultime settimane in cui le pressioni per scongiurarlo, interne ed esterne, sono state forti. Alla fine è prevalsa la comune volontà di dare un volto nuovo alla Spagna, più giusto, più solidale e più libero. Cosa che anche i baroni socialisti dovranno accettare loro malgrado.

Sánchez non poteva pensare di terminare la legislatura e arrivare al 2020, continuando a governare con colpi di immagine e comunicazione, che, se anche creano consenso, è spesso instabile e non bastano a modificare i rapporti di forza nella società, a favore delle sinistre. In questo l’importanza di accordarsi con Podemos per definire le scelte per cambiare in meglio la vita di spagnole/i. Ne esce una proposta di bilancio realistica, in grado di sanare le ferite inferte in questi anni alla società spagnola impoverita dalla crisi e dal mal governo delle destre liberiste. Il preventivo di bilancio concordato porterà dosi di giustizia sociale e ambientale e un ripristino di diritti e libertà.
Aumento del salario minimo a 900 euro, pensioni legate al costo della vita, diritto alla casa, finanziamento al patto di stato contro la violenza machista e l’introduzione di congedi genitoriali paritari e retribuiti, l’impegno per l’uguaglianza, non solo salariale, fra donne e uomini.

L’accordo guarda anche al futuro e punta a fare della Spagna una protagonista della lotta al riscaldamento globale, avviando la transizione energetica verso un nuovo modello rinnovabile, abolendo quella dannosa imposta sul sole che oggi blocca l’autoconsumo. La rottura col passato è netta nella decisione di restituire diritti alle persone, derogando la legge sul lavoro e fermando l’esproprio di libertà, conseguenza della legge di pubblica sicurezza, la ley mordaza.
Ora inizia il secondo tempo della partita, quello più difficile: conquistare su questo programma di svolta il voto necessario dei nazionalisti Baschi e Catalani, l’altro pezzo della maggioranza che ha reso possibile le dimissioni di Rajoy.

Questo accordo può diventare la leva per rilanciare il dialogo sulla questione territoriale, togliendola definitivamente dal binario morto degli opposti nazionalismi, in cui sembra arenata.
Certo l’appoggio sarebbe più facile se Sánchez e il suo governo si dichiarassero a favore della scarcerazione dei detenuti politici catalani. Basterebbe ricordare che vari tribunali europei hanno negato l’estradizione per il delitto di ribellione, delitto in nome del quale i principali leader degli indipendentisti sono ingiustamente incarcerati, in attesa di un processo.
Ma l’accordo raggiunto assume un significato che supera i confini spagnoli. Se il futuro dell’Europa resta una disputa tra chi difende l’Europa delle finanze, con i suoi trattati ingiusti, e chi invece vuole solo distruggerla, alimentando vecchi nazionalismi intrisi di razzismo, la sconfitta sarà certa. La destra becera e violenta che avanza non la può fermare un generico fronte repubblicano, unito dall’idea liberista, ma devono unirsi quelle forze che alimentano il progetto di sovvertire i meccanismi dell’Europa che c’è, riportando le persone al centro delle po

martedì 9 ottobre 2018

4.000 aderenti votano per lo statuto di Potere al Popolo


Da sabato alle 11:30 a martedì alle 22 gli aderenti a Potere al Popolo hanno potuto esprimersi sullo Statuto che regolerà, almeno per il primo anno, la vita del movimento.
Ben 4041 persone hanno preso parte alla consultazione, pari al 55,5% degli utenti attivi!
Si tratta di un risultato straordinario: la prima volta che uno Statuto di un’organizzazione politica e sociale viene scelto direttamente dal basso, attraverso le assemblee in presenza e il voto informatico, che ha registrato percentuali di adesione persino superiori a quelle di organizzazioni ben più visibili e collaudate (es.: 5 Stelle, 40%, Podemos 30%…).
Per questo ringraziamo tutte le partecipanti e i partecipanti a questa grande sperimentazione, nonché le volontarie e i volontari che da due settimane stanno lavorando diverse ore al giorno per garantire a tutte e tutti il diritto di esprimersi!
Ricordiamo che la piattaforma è gestita da un’azienda tedesca, che il Coordinamento Nazionale non ha accesso al cuore del suo funzionamento, e che ogni account attivato corrisponde a una persona in carne ed ossa, che si è iscritta entro il 30 settembre, compilando un form individuale, fornendo documenti e pagando la quota di iscrizione.
Sugli esiti. 3332 votanti, pari al’82%, hanno scelto lo Statuto 1, 358, pari all’8%, lo Statuto 2. Sulla piattaforma era anche possibile esprimere astensione o disapprovazione per le proposte: fra i votanti, 511 si sono astenuti sullo Statuto 1 e 198 lo hanno disapprovato; 1500 si sono astenuti sul 2 e 2183 lo hanno disapprovato.
È dunque lo Statuto 1 “Indietro non si torna”, nella versione emendata dopo un mese di dibattito sui territori, il nuovo statuto di Potere al Popolo, il più condiviso.
A undici mesi dalla nostra nascita possiamo quindi iniziare il percorso che ci porterà, nel giro di poche settimane, ad eleggere un nuovo Coordinamento Nazionale, i due nuovi portavoce e tutti gli organi dirigenti, per poter lavorare meglio, velocemente e con una piena legittimazione democratica.
Il nuovo Coordinamento sarà formato da 80 persone elette direttamente dalla base, di cui 60 provenienti dai territori e 20 da una lista nazionale a cui potenzialmente qualsiasi aderente si può candidare. Lo stesso vale per i due portavoce. Lo Statuto viene implementato per il primo anno in forma sperimentale, per capire nella pratica se è funzionante e risponde alle nostre esigenze, e sarà poi sottoposto alla verifica degli aderenti e delle assemblee territoriali nell’Ottobre del 2019.
Certo, non possiamo negare le difficoltà di questa votazione, che avremmo voluto ben diversa. Il ritiro a pochissime ore dal voto dei proponenti dello Statuto 2, ritiro di cui abbiamo appreso dai social e da giornali che purtroppo mai si erano interessati a noi quando abbiamo messo in piedi iniziative sociali, ha creato un’enorme confusione. In tanti hanno creduto che non si votasse più, o che addirittura Potere al Popolo! si fosse sciolto. Il ritiro ha inoltre determinato che molte sedi che dovevano essere incaricate di facilitare la votazione informatica siano rimaste chiuse, lasciando molte persone, soprattutto le più anziane, in difficoltà.
Ciononostante, l’istituzione di una mail e di un centralino telefonico, è riuscita a risolvere in tempi reali praticamente tutti i problemi di carattere tecnico, mentre la convinzione di molti militanti, anche di quelli che hanno votato lo Statuto 2, ha permesso che la votazione avesse comunque luogo.
Sebbene anche nei giorni più intensi della votazione statutaria non abbiamo mai smesso di fare iniziative politiche e sociali (dalle tante piazze riempite sabato a Riace, a Roma, ad Ancona, a Parma etc, all’apertura di case del popolo, come a Olbia, e ambulatori popolari, come a Barletta), è evidente che ora dobbiamo partire con campagne politiche a livello nazionale e con la mobilitazione dell’autunno. La situazione del paese è infatti a un livello di gravità tale che tutte le nostre energie devono essere finalizzate all’analisi, all’azione, al coinvolgimento di nuove persone. Alla difesa degli sfruttati.
Per discutere di questi punti, e per definire gli ulteriori passaggi organizzativi, diamo appuntamento a Roma per il weekend del 20 e 21 ottobre. Inizieremo sabato mattina con tavoli di lavoro al Centro Sociale Intifada e continueremo alle 14 con il corteo contro il governo Salvini-Di Maio e per un programma di nazionalizzazioni e di rilancio del servizio pubblico. Chiuderemo infine con la nostra assemblea nazionale al Teatro Italia domenica 21 dalle 10 alle 15.
Vi aspettiamo in tante e tanti.
Potere al Popolo!

sabato 6 ottobre 2018

PaP, Brancaccio e annullamenti in extremis. Il Prc come Anna Falcone e Tomaso Montanari ?


Maurizio Acerbo, segretario del Prc, 
 "Che amarezza l' annullamento dell' Assemblea del Brancaccio "
novembre 2017 

" Noi abbiamo sempre pubblicamente condiviso i criteri proposti da Tomaso e Anna per costruire liste innovative e aperte e che dessero il segno di una rottura con i governi del centrosinistra e gli errori del passato. Non condividiamo la scelta di annullare assemblea perchè riteniamo che il Brancaccio abbia tutto il diritto di proporre contenuti e metodi per costruire lista unitaria."

Potere al Popolo nacque a novembre 2017, il giorno che avrebbe dovuto tenersi una assemblea del “Brancaccio” in preparazione delle elezioni del marzo 2018. L' assemblea fu annullata da Anna Falcone e Tomaso Montanari per evitare il rischio che l' assemblea diventasse uno scontro tra partiti.


Questa volta è Rifondazione che evita il confronto in extremis, la goccia che fa traboccare il vaso sarebbe la non pubblicazione sul sito di Potere al Popolo della presentazione del loro statuto dove i firmatari polemizzano con coloro che hanno proposto lo statuto uno.


Ognuno giudichi come vuole, io proseguo, con molta più convinzione di prima, a sostenere Potere al Popolo,
Trovo istruttive però le analogie dello scontro attuale con la situazione del novembre 2017, e in quella occasione chi evitò il confronto in extremis non ebbe molto successo.


Marco


Di seguito il comunicato di Acerbo, Ferrero e altri firmatari dello Statuto 2 di Potere al Popolo, ritirato dalla votazione 12 ore prima dell' inizio del voto.

Dopo potete leggere un articolo sull' annullamento dell' assemblea del Brancaccio a novembre 2017.


Ogni limite ha una pazienza”
PERCHE’ RITIRIAMO LO STATUTO E NON PARTECIPIAMO AL VOTO 

Oggi è stata rifiutata la pubblicazione sul sito del testo di presentazione dello “Statuto per tutte e tutti”, creando una evidente e inaccettabile condizione di disparità tra i due statuti di fronte alle/agli aderenti: il primo statuto aveva da tempo pubblicato la sua, abusando ancora una volta del monopolio sulla gestione di sito e pagine social. Inoltre sul sito vi è una ricostruzione falsa del coordinamento di lunedì scorso, che attribuisce a noi – che abbiamo sempre chiesto di poter votare su un solo statuto emendabile – la responsabilità di andare al voto su due statuti contrapposti. E’ davvero troppo. 
In qualità di firmatari/e del secondo statuto, pertanto, comunichiamo la nostra decisione di ritirarlo e di non partecipare a una consultazione on line per la quale mancano i requisiti minimi di agibilità democratica. Non bastava aver imposta una votazione assurda su statuti contrapposti, rifiutando di far esprimere le/gli aderenti sulla modalità di voto, come noi avevamo proposto. Non bastava aver rifiutato un breve differimento della data del voto; si procede senza tenere conto che migliaia  di persone non riescono ancora a padroneggiare la piattaforma, alcune nemmeno  ad entrarci, e che non si conoscono  le regole che presidierebbero alla definizione del risultato del voto.
La pazienza unitaria ha un limite. Di fronte a queste scelte non possiamo che prendere atto che non vi sono le condizioni per una consultazione informata, seria, autenticamente democratica. Invitiamo le compagne e i compagni di quella che si è configurata come la “maggioranza” del coordinamento a rinviare la consultazione on line e a concordare una convocazione del coordinamento stesso per ristabilire un quadro di regole condivise. Invitiamo le compagne e i compagni che come noi si riconoscono nel Manifesto fondativo di Potere al popolo! a non partecipare alla votazione che inizia domani. 

Marina Boscaino, Maurizio Acerbo,  Enzo Di Salvatore, Paolo Ferrero, Roberto Morea, Roberto Musacchio, Vincenzo Riccio, Ivan Cazzaniga (Milano), Francesco Campolongo (Cosenza), Dino Greco (Brescia), Pino Rando (Genova).


Roma, 13 nov. (askanews) - La nuova assemblea di sabato prossimo, 18 novembre al teatro Brancaccio di Roma promossa da Anna Falcone e Tommaso Montanari "è annullata". Lo hanno annunciato gli stessi animatori dei comitati referendari del no al referendum costituzionale dello scorso anno, sottolineando che "quella che doveva essere una bella assemblea civica e programmatica rischia di trasformarsi in uno scontro tra partiti" e "in questo clima esasperato, l'organizzazione leggerissima su cui possiamo contare ci avrebbe impedito di garantire un andamento democratico e sicuro di questo incontro cruciale".
"Le scelte dei vertici dei partiti che avevano aderito al percorso (opposte nella direzione, ma simmetriche: e accomunate dal totale disinteresse per un processo trasparente, democratico e partecipato) - aggiungono Montanari e Falcone- rendono ormai comunque irraggiungibile l'obiettivo dichiarato e unico dell'appello di giugno, e di tutto il nostro impegno: la creazione di una lista unica a sinistra davvero innovativa e non solo partitica"."Tra poche ore - concludono- pubblicheremo un documento di Tomaso, e in seguito uno di Anna. Non abbiamo alcuna intenzione di abbandonare il nostro impegno, e cercheremo di essere all'altezza della fiducia di tante e tanti, il cui lavoro sul programma è il vero risultato di questo percorso. È di questo che vi siamo infinitamente grati. Con le cittadine e i cittadini che vorranno, continueremo a lavorare insieme, in un modo completamente nuovo e del tutto autonomo".


martedì 2 ottobre 2018

Compleanno della nonviolenza: 2 ottobre 1869, nasce Mohandas Karamchand Gandhi


Il 2 ottobre 1869 nasceva Mohandas Karamchand Gandhi, e con lui la nonviolenza.

Gandhi sosteneva di aver introdotto lui la parola nonviolenza traducendo in inglese , come "nonviolence" , l' antica parola "ahimsa", letteralmente "nonnuocere", non fare del male.

Personalmente ritengo che la parola "nonviolenza" definisca quello che hanno detto, scritto e compiuto in azioni concrete i grandi maestri Gandhi, Tolstoi, Capitini e molti altri meno conosciuti.

Ma il significato della parola nonviolenza oggi è sempre interpretato in maniere diverse, e non è questo il luogo dove discuterne.

Sorvolando per oggi su queste controverse definizioni, approfitto però del compleanno postumo di Gandhi per esporre una mia tesi:

" Il pensiero della nonviolenza,

cioè quanto pensato, detto e scritto da Gandhi, Tolstoi, Capitini ed altri personaggi meno conosciuti

è enormemente superiore a quanto fino ad oggi

sia stato fatto in nome della nonviolenza"

Questo nonostante che, tra le azioni che hanno utilizzato soprattutto la nonviolenza, ci siano imprese storiche di enorme importanza come: la liberazione dell' India, la convivenza pacifica in Sudafrica di gruppi etnici che si erano aspramente combattuti e le conquiste negli Stati Uniti degli afroamericani.

Concludo qui per ora il ricordo del 2 ottobre 1869, ma questa data è l' inizio di un cammino appena iniziato.

Marco